bromelina malattie reumatiche

Cos’è la bromelina e come può aiutarti nella cura delle malattie reumatiche

In un’epoca di grandi stravolgimenti tecnologici e terapeutici viene spesso voglia di fare quattro passi nella natura, per scoprire come molto frequentemente Lei ci mette a disposizione tutto quello che serve a migliorare la nostra salute…se sappiamo come cercare…

La BROMELINA è una sostanza naturale che deriva dalla macerazione del gambo dell’ananas (è presente anche nel frutto ma in concentrazione molto minore), recentemente riscoperta per la sua azione sulla digestione, sulla microcircolazione, sull’edema e come decongestionante delle mucose.

Per tali motivi viene utilizzata in molteplici condizioni cliniche quali dispepsia (difficoltà digestiva), cellulite, vene varicose, sinusiti, tromboflebiti, inestetismi cutanei.

In campo reumatologico, appare interessante il suo utilizzo come integratore nella Artrite Reumatoide e più genericamente in stati infiammatori articolari e periarticolari nei quali la componente edemigena è una delle conseguenze dello stato infiammatorio.

In traumatologia è particolarmente utile nei traumi distorsivi e contusivi, sempre a causa della sua capacità di ridurre il dolore indirettamente, accelerando in maniera naturale il riassorbimento dell’edema sottocutaneo (il “gonfiore”) che si genera nelle distorsioni di caviglia o l’edema intramuscolare nelle contusioni muscolari.

La bromelina è controindicata in pazienti in terapia anticoagulante o antibiotica, pazienti affetti da ulcera gastrica, in bambini e donne in gravidanza per la mancanza di studi clinici, nonché in pazienti allergici all’ananas.

Gli effetti collaterali, quando presenti, sono soprattutto a carico dell’apparato gastrointestinale (nausea, vomito, diarrea).

La bromelina si trova anche in associazione con l’Escina in formulazioni topiche.

Per maggiori informazioni sulle prestazioni reumatologiche da me fornite, visita la pagina Reumatologia.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *